Una vocazione salda nel tempo

News

Una vocazione salda nel tempo

Un saluto e una riflessione ci arrivano oggi da Bruno Corrado, fino a quindici anni fa direttore del Lacor di cui aveva preso le redini succedendo a Piero Corti. Da qualche mese Bruno è in Uganda, da dove ci parla del presente e del passato dell’ospedale, con uno sguardo al futuro.

“Siamo a inizio anno”, racconta, “nel pieno della stagione secca, ed è un momento cruciale nella vita del Lacor. Appena superata la metà dell’anno operativo, che tradizionalmente in Uganda finisce al 30 giugno, si tirano le somme e si accelera su ciò che rimane da fare. È sempre stato così nei tanti anni che sono stato qui, ma in particolare mi viene in mente l’inizio del 2007, un momento di profondo cambiamento che ha portato a effetti ben visibili anche oggi.

Quell’anno sono successe due cose fondamentali per il futuro dell’ospedale: abbiamo cominciato a lavorare al primo piano strategico quinquennale e si è avviato il passaggio di consegne all’attuale direzione ugandese.

Pensando al primo piano strategico, (oggi l’ospedale sta lavorando al quarto, per il periodo 2022-2027), l’esperienza di questi anni ci dice che non si è trattato di un esercizio burocratico, ma che questi piani hanno aiutato l’ospedale a non disperdersi sotto la spinta di esigenze sempre nuove. Il Lacor è rimasto fedele alla sua vocazione: dare risposte ai problemi sanitari più rilevanti della sua zona, in particolare quelli di donne e bambini raggiungendo gli strati più svantaggiati della popolazione. Le scelte strategiche in favore dei più poveri sono rimaste salde anche durante quest’anno di pandemia.

Ed è sempre  Quando, nel 2003, in seguito alla morte del Dr. Corti, mi era stato chiesto di assumere la direzione dell’ospedale, avevo accettato a condizione che, entro cinque anni, avrei passato le redini ad una dirigenza ugandese. Proprio quindici anni fa si è avviato il coinvolgimento dei tre candidati alla successione nell’affrontare insieme i problemi che si presentavano giorno per giorno.

L’attuale epidemia mi porta poi a pensare a quelle di cui sono stato testimone diretto al Lacor, a cominciare dal morbillo, all’HIV, all’Ebola. Negli anni ‘90 il reparto morbillo contava anche più di 250 pazienti al giorno; adesso questa malattia non esiste più grazie alla vaccinazione di massa, a cui il Lacor continua a contribuire in modo significativo. Ormai di AIDS non si parla quasi più, ma qui, durante la guerra, oltre il 13% delle donne incinte era positivo all’HIV; l’ospedale continua oggi a seguire migliaia di questi pazienti che, grazie alle terapie disponibili, conducono una vita normale.

Mi viene anche in mente l’epidemia che non c’è mai stata, quella di colera; l’abbiamo molto temuta quando ogni sera migliaia di persone venivano a rifugiarsi in ospedale per sfuggire alle incursioni dei ribelli che rapivano i giovani per farne soldati-bambino. La costruzione di tante fosse settiche, la perforazione di qualche pozzo e tanta educazione sanitaria, insieme al controllo accurato dell’acqua del sistema idrico ospedaliero, hanno evitato che si accendesse un focolaio.

E ancora: vedere che una parte rilevante dell’ospedale è zona di isolamento per i pazienti Covid riporta alla mente quando abbiamo avuto ben 60 pazienti di Ebola. Il reparto Covid è ben organizzato, qui vengono portati i pazienti più gravi della zona perché l’ospedale ha un suo impianto di produzione e distribuzione dell’ossigeno. Un successo dell’attuale dirigenza ugandese. Quando ero direttore avevo infatti trovato un donatore disposto a finanziarlo, ma avevo dovuto rinunciare per difficoltà tecniche. I direttori ugandesi venuti dopo di me sono riusciti a superare gli ostacoli. Oggi l’impianto esiste e funziona, unico nel Nord Uganda e fornisce bombole anche al vicino ospedale governativo”.

Come volevano Piero e Lucille e lo stesso Bruno, oggi tutto il personale sanitario è ugandese. La vocazione dell’ospedale è rimasta: curare i più fragili. E per continuare a farlo, l’aiuto di ogni donatore è insostituibile.

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

TI TERREMO AGGIORNATO SULLE NOSTRE ATTIVITA'

Continuando ad utilizzare il sito, accetti l'uso dei cookie. approfondisci

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close