Vai al contenuto
Africa
Uganda
Dona
25 Gennaio 2024

Un tecnico speciale

Sono 12 anni che Fabio Bradach va al Lacor: è preziosa parte integrante del complesso sistema di installazione e manutenzione dei macchinari. E per lui è ormai una seconda casa.

Fabio è tornato da poco dalla sua ultima missione; era al Lacor insieme al suo mentore Carlo Pozzuoli, già dirigente Philips, amico di Brother Elio. È proprio grazie a Carlo che Fabio ha conosciuto il Lacor nel 2012.  Da allora, ogni volta che approda nell’ospedale fondato da Piero e Lucille non riposa mai: aggiusta, ripara, installa, insegna…

Ma ecco qualche dettaglio dell’ultima missione.

Insieme a Carlo e Fabio c’era anche Simone Rosa, dell’azienda Tecnomedical di Senigallia. Il trio di tecnici, insieme al personale del Lacor, ha installato con successo due nuovi macchinari a raggi X digitali: un telecomandato che permette ora di eseguire radiografie di qualità migliore ed un mammografo Philips donato da Tecnomedical.

Entrambi i macchinari sono già operativi, più semplici da utilizzare, forniscono immagini più precise e consentono un importante risparmio.

Al Lacor c’era un vecchio mammografo in disuso, le speciali pellicole per mantenerlo in funzione erano troppo costose e difficilmente reperibili. Ora è possibile programmare screening e fare diagnosi precoce di tumori al seno per poi intervenire, se possibile, chirurgicamente.

Anche il nuovo telecomandato è un importante traguardo: ora le radiografie vengono acquisite direttamente da PC, con grande risparmio di tempo e risorse. Simone Rosa ha guidato la formazione tecnica del personale locale e configurato le macchine per essere assistite da remoto, grazie ad un supporto telefonico gratuito.

Grazie di cuore a Vincenzo Marchetti, socio Fondatore di Tecnomedical e naturalmente a Simone Rosa, Carlo Pozzuoli e Fabio Bradach!

Fabio ha girato praticamente tutto il centro Africa effettuando missioni tecniche. “La differenza principale tra il Lacor e le altre realtà in cui ho lavorato è che al Lacor è in atto un importante processo di pianificazione; la volontà di migliorare prestazioni ed efficienza e ridurre i costi è concreta. Si fanno attente valutazioni, non si aspetta che un macchinario si rompa per intervenire”. Un esempio? “In collaborazione con Jacopo Barbieri, direttore del Dipartimento tecnico, il Lacor si è dotato di un vero e proprio servizio di ingegneria clinica, che è una rarità in Uganda”.

Il sistema si appoggia sul software OpenMAINT che permette di gestire tempi e modalità di manutenzione di tutti gli apparecchi medicali. I macchinari sono stati inventariati e il personale viene regolarmente avvisato quando è prevista una valutazione o un’attività di manutenzione. È così anche più semplice individuare eventuali problemi ricorrenti.

Infine, è partito un processo di screening di tutte le apparecchiature in ingresso; che siano apparecchi da acquistare o donati, il servizio di ingegneria clinica costituito dagli ingegneri Santo e Reagan e dai tecnici Charles, Christopher e Dennis, fa le dovute valutazioni per evitare sprechi o costi di manutenzione eccessivi.

Capacità di pianificazione, attenzione ai costi e all’efficienza costituiscono una marcia in più in un contesto così povero.

Condividi
Ultime news
Dona il tuo 5x1000 Dona il tuo 5x1000
Follow us
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato
Iscriviti
Partner di
Fondazione Piero e Lucille Corti ETS
Piazza Velasca 6, 20122 Milano
Tel. - Fax. +39 02 8054728