Un periodo difficile, ma si guarda avanti

News

Un periodo difficile, ma si guarda avanti

“E’ stato il periodo più difficile degli ultimi anni. Per ognuno di noi, le nostre famiglie, le istituzioni, i governi e il mondo intero… tutti gli aspetti della vita sono stati colpiti, da quello economico a quello sanitario…”. A parlare è il dottor Cyprian Opira, direttore generale del Lacor.

E lo fa nella prefazione al rapporto annuale, un resoconto puntuale di ciò che è successo al Lacor nell’ultimo anno.  Quella del dottor Opira è una sintesi di ciò che l’ospedale ha dovuto affrontare, una riflessione che ci traghetta verso il futuro.

Il lockdown ha ridotto drasticamente il numero dei pazienti e coloro che arrivavano erano molto malati, l’introduzione delle procedure operative è stata molto costosa e i dispositivi di protezione individuale non erano facili da reperire a livello locale, ma è stato necessario affidarsi ad un’importazione lenta e onerosa.

La natura dirompente della pandemia ha reso necessario creare reparti di isolamento e di trattamento Covid, riallocare il personale e i pazienti”.

Continua il direttore Opira, scattando una fotografia di quanto accaduto negli ultimi due anni: “l’impianto di produzione e distribuzione dell’ossigeno ha dato al Lacor Hospital un importante vantaggio rispetto a molti altri ospedali nella gestione del Covid -19.

Come in tutta Uganda, anche gli studenti delle nostre scuole sono tornati a casa, privando i pazienti del supporto alle cure che il loro aiuto garantiva”. E aggiunge: “l’ospedale non ne è uscito illeso: abbiamo perso fratel Elio Croce e  la dottoressa Layet Paska. Fortunatamente gli altri che sono stati colpiti dal Covid, personale e studenti, hanno avuto una malattia lieve.

L’adesione al vaccino da parte del personale è stata molto buona, oltre il 95%.

Vorrei ringraziare la Fondazione Corti per il suo sostegno; grazie ai fondi messi a disposizione per l’emergenza l’ospedale non ha dovuto licenziare personale né ridurre gli stipendi”. La Fondazione riesce a far fronte a situazioni impreviste come questa grazie a fondi non vincolati, come quelli  raccolti grazie al 5×1000.

“Oggi”, conclude il dottor Opira, “ci attende una nuova normalità che ci impone di bilanciare con attenzione lo sforzo per affrontare la pandemia con la lotta alle altre malattie”.

Ed è a questa nuova normalità che vi chiediamo di contribuire. Firmate per noi donandoci il vostro 5×1000. Il nostro codice fiscale è 91039990154. Grazie.

 

 

27.05.2022

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

TI TERREMO AGGIORNATO SULLE NOSTRE ATTIVITA'

Continuando ad utilizzare il sito, accetti l'uso dei cookie. approfondisci

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close