Il ritorno di Ebola

News

Il ritorno di Ebola

Ebola. E’ ricomparsa questa parola in questi giorni sui giornali, alla radio, nelle riunioni di professionisti e nei mercati.

Perché è ricomparsa la malattia nel cuore dell’Uganda.
Mancava da prima del Covid,  quando aveva causato 4 vittime.

La prima volta, la maggiore, gli amici del Lacor l’hanno bene in mente. Era il Duemila e tra i 224 morti del focolaio ci sono stati 12 infermieri del Lacor e il dottor Matthew Lukwiya.
Ora l’Ebola si è manifestato nel distretto di Mubende, a tre ore dal Lacor; ad oggi ci sono state oltre 20 vittime.  Bisogna agire in fretta, perché l’unica arma contro questo virus è il tempo. Confermare i casi con sintomi sospetti, isolarli, tracciare e confinare tutti i contatti.

Ed è ciò che si sta facendo in tutta Uganda e al Lacor. Sono state subito messe a punto campagne di informazione per riconoscere i sintomi, si sono moltiplicate le riunioni del personale sanitario per avviare le procedure di emergenza, si sta attrezzando l’unità di isolamento.
L’Ebola è una malattia virale che ha una mortalità molto elevata, a rischio sono soprattutto gli operatori sanitari che possono infettarsi con sangue e liquidi corporei. L’origine è animale, scimmie, pipistrelli, ma quando passa all’uomo poi si trasmette da persona a persona:  da paziente a medico, da madre a figlio, dai cadaveri, durante la sepoltura. E’ una malattia subdola: i sintomi sono molto generici, febbre, dolori muscolari possono far pensare alla comune malaria. Ma qwuando compaiono, se è Ebola, il malato è contagioso.

I medici del Lacor sono sereni e si stanno attrezzando.
Hanno esperienza nell’affrontare questa malattia e strumenti per proteggersi. Grazie alle donazioni raccolte durante il Covid, i magazzini sono ancora ben forniti di dispositivi di protezione.

Le precauzioni da prendere e le misure da rinforzare sono state subito comunicate a tutto il personale: si tratta di costituire un gruppo di lavoro dedicato, potenziare le misure igieniche, mettere a punto un protocollo per individuare e gestire eventuali casi sospetti, aumentare la sorveglianza. E, soprattutto, mantenere sempre alta la guardia e le misure di protezione. Ma anche creare campagne di sensibilizzazione da divulgare tra la popolazione, per battere il virus sul tempo.

AL Lacor tutto è pronto. Ma la speranza è che Ebola rimanga lì dov’è, a tre ore di distanza. E poi, dopo essere arrivato chissà da dove, venga interrotta la catena di trasmissione isolando i malati e i contatti e … se ne vada.
C’è già tanto da fare per la salute e il futuro di questa popolazione, senza che un altro flagello si abbatta sulla gente d’Uganda.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

TI TERREMO AGGIORNATO SULLE NOSTRE ATTIVITA'

Continuando ad utilizzare il sito, accetti l'uso dei cookie. approfondisci

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close