Una tesi al Lacor

News

Una tesi al Lacor

Giovani al Lacor. Studenti di medicina, specializzandi, ma anche infermieri che tra i reparti dell’ospedale si confrontano con una realtà a risorse limitate e si mettono in gioco trovando disponibilità e materia per fare ricerca.

E’ stato così per Valentina Mozzi, infermiera volontaria che ha passato parecchi mesi al Lacor prima dell’estate. E mentre si dava da fare per supportare i servizi infermieristici nel mettere a punto procedure adeguate nei mesi di preparazione all’arrivo del Covid-19, raccoglieva dati in una delle Unità più sensibili, quella che accoglie bambini e adulti gravemente ustionati.

Secondo l’OMS, e l’esperienza del Lacor lo conferma, le ustioni sono un serio problema per i paesi in via di sviluppo dove la maggior parte dei casi si potrebbero prevenire migliorando la sicurezza domestica, ma dove ancor oggi gli incidenti che comportano ustioni sono tanti e gravi.

A farne le spese soprattutto i più piccoli: i bimbi africani con meno di cinque anni sono ben tre volte più soggetti a ustioni gravi rispetto alla popolazione mondiale della stessa età. Le cause? Fuoco e acqua bollente dei focolari sempre accesi per terra, appena fuori o anche dentro alle capanne e spesso incustoditi. Ma anche agenti chimici come petrolio, kerosene e soda caustica.

Dai dati raccolti è scaturita una tesi sulla popolazione di pazienti ustionati che si presentano al Lacor e il 25 Settembre Valentina ha conseguito il Master di I° livello “Evidence Based Practice e Metodologia della Ricerca Assistenziale” presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna. Ci congratuliamo per il suo brillante risultato e lasciamo a lei il racconto.

Quando ho iniziato a pensare alla tesi, il desiderio di fare ricerca sul campo all’estero è nato subito; volevo realizzare un progetto che mettesse in risalto come, anche in un contesto a basse risorse, si possano applicare le evidenze scientifiche in campo infermieristico per migliorare l’assistenza.

Quando, navigando tra siti di associazioni e informazioni sulla cooperazione internazionale, mi sono imbattuta nella storia del Lacor, sono rimasta molto colpita, ho preso i contatti con la Fondazione Corti e sono partita.

La ricerca scientifica al Lacor è una realtà, è presente un Comitato Etico per la valutazione degli studi e la ricerca viene condotta sia internamente, con il coordinamento del dottor Emmanuel Ochola, sia con collaborazioni esterne.

L’idea di questa tesi è nata dalla pratica di reparto del Dott. Vito Schimera, (chirurgo volontario al Lacor nello stesso periodo, ndr.) che aveva notato un’importante presenza di bambini con ustioni gravi rispetto agli adulti. Obiettivo era stimare quanto potesse essere utile ampliare la capacità di posti letto della “Burn Unit” per il ricovero dei piccoli pazienti.

Per farlo, abbiamo condotto uno studio osservazionale sulla casistica dei pazienti ricoverati al Lacor in un semestre e cercato di comprendere meglio il fenomeno, in termini demografici, clinici e di sopravvivenza. In questo modo sarebbe stato possibile  individuare su quali fattori di rischio concentrare l’assistenza, ma anche valutare la necessità di posti letto pediatrici in Burn Unit.

Questa collaborazione con il Dr. Schimera è stato uno dei tanti progetti nei quali ho avuto la possibilità di essere coinvolta al Lacor durante i miei quattro mesi in Uganda. Ho avuto il piacere di lavorare con tante diverse professionalità e soprattutto vivere l’assistenza infermieristica in modo nuovo. E questo grazie alle amiche infermiere che porto nel cuore e che mi hanno insegnato tanto.

E’ a loro che dedico questo piccolo traguardo. A Sr.Betty, alla compianta Sr. Sharon e a Sr. Janet”.

Grazie a te Valentina. E a tutti i giovani che, quando le restrizioni per il Covid lo permetteranno,  si avvicineranno al Lacor con la stessa apertura, entusiasmo e umiltà.

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

TI TERREMO AGGIORNATO SULLE NOSTRE ATTIVITA'

Continuando ad utilizzare il sito, accetti l'uso dei cookie. approfondisci

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close