Ti scrivo dal Lacor

News

Ti scrivo dal Lacor

Cari amici,
sono al Lacor da due settimane; mi ero ripromessa di scrivere a tutti voi che, dall’Italia (e non solo), rendete possibile tutto ciò che vedo nei reparti, negli ambulatori, ma anche fuori, nei villaggi, nei tre centri sanitari periferici dell’ospedale e persino sulle ambulanze.
Ma sono stata per così dire “sequestrata”.

Sono tornata al Lacor dopo sei mesi dalla mia ultima missione.
E’ un momento delicato per l’ospedale, come lo è per la gente d’Uganda.

Il Paese sembra uscito dalla pandemia: sulla lavagnetta vicino all’ufficio della direzione infermiere, campeggiano tanti zeri da ormai un mese. Zero nuove ammissioni, zero casi, zero decessi: tanto che l’Unità Covid è stata chiusa. Al suo posto sono tornate le donne del reparto di ginecologia. E’ un ritorno alla normalità, le donne sono sempre state il cuore del Lacor, destinatarie di cure e di servizi proprio perché sono tra le categorie più fragili della popolazione.

Però il momento è davvero critico. Due dati che chi incontro mi ripete in continuazione: il costo della benzina è raddoppiato. Era meno di tremila scellini ugandesi al litro, ora ha superato i seimila (un Euro e mezzo circa). Lo stesso vale per i beni di prima necessità: una tazza di fagioli è passata da mille a duemila scellini.
In queste due settimane ho incontrato più volte i direttori, ma anche gli specialisti, i tecnici e le caposala; il numero dei pazienti sta tornando ai livelli pre-Covid. Eppure le fatiche sono aumentate: c’è bisogno di più materiale di consumo per la protezione personale, c’è la richiesta di una diagnostica un po’ più avanzata e le sfide di cura si sono moltiplicate di fronte a pazienti che vengono a chiedere aiuto sempre più tardi e sempre più malati.

L’ultimo sabato di giugno il Lacor, insieme agli stakeholders e a numerosi rappresentanti della Comunità, si è riunito nell’Annual General Meeting; era la prima volta in presenza dopo due anni di pandemia, ed è stato una preziosa occasione di riflessione e di confronto.
Il direttore Emintone Odong ha commentato i dati e le attività dell’ultimo anno fiscale, mentre il direttore Martin Ogwang ha illustrato sfide e obiettivi raggiunti nei cinque anni passati.
Poi è stata la volta di tracciare le direttive per il futuro: dove andrà il Lacor nei prossimi cinque anni? 
La risposta non può che essere una sola, la stessa che hanno dato i miei genitori 62 anni fa: offrire le migliori cure, al maggior numero di persone, al minor costo possibile. Sforzandosi di farlo rimanendo al passo con i tempi, per una popolazione che davvero lo merita dopo decenni di terribili conflitti.

Anche l’ospedale, da quando è iniziata la pandemia, affronta costi crescenti. E proprio in un momento in cui la nostra raccolta fondi soffre delle tante crisi che il pianeta sta vivendo: il Covid, prima, e ora la guerra in Ucraina e le conseguenze tragiche dei rovesciamenti climatici.
Il Lacor conta su di noi.

Insieme alle colleghe della Fondazione Corti, è questo ciò in cui continuiamo a credere e per cui lavoriamo. Rimanete al nostro fianco.

 

Dominique

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

TI TERREMO AGGIORNATO SULLE NOSTRE ATTIVITA'

Continuando ad utilizzare il sito, accetti l'uso dei cookie. approfondisci

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close